5 consigli per fotografare la preparazione della sposa

Notte insonne per lui, notte insonne per lei. È mattina e tutta l’attesa sta per scivolare via. Concitazione, ma non solo. Hai dimenticato qualcosa? È tutto al suo posto? Sì, deve solo arrivare il fotografo. E devi dedicarti alla preparazione della sposa.

Ed è qui che ti voglio, fotografo di matrimoni. Fotografare la preparazione della sposa è un momento sottovalutato. Prima di parlarti di tecniche e segreti voglio soffermarmi sull’aspetto umano di quello che è un vero e proprio rito.

preparazione della sposa

La sposa è protagonista di un momento irripetibile (e questo lo sappiamo bene), ma non è solo lei a doverti interessare. Che sia a casa o in una lussuosa stanza d’albergo, lì troverai la madre della sposa, il padre, i fratelli, sorelle e damigelle. Ed è proprio questo il punto chiave del mio primo consiglio per fotografare la preparazione della sposa.

Guardarsi intorno con attenzione

La sposa vuole attenzioni, ma non soltanto dal tuo obiettivo, anche da familiari e amici. Sta per indossare l’abito da sposa, qualcosa che non metterà mai più e vuole essere aiutata in questo rito.

Sarà quindi tuo compito osservare qualsiasi cosa, qualsiasi gesto e movimento. Ad esempio, lo sguardo della madre che osserva le scarpe mentre la sposa si trucca, può diventare uno scrigno d’amore simbolo del loro rapporto.

Devi sapere che questo tipo di foto conquista molti sposi perché rappresenta la fotografia nella sua più intima essenza (e piace molto anche a me). Ricorda: non sei il Rambo della fotografia di matrimonio, devi prestare attenzione a cosa inquadra la tua macchina fotografica.

Va bene catturare l’istante, ma bisogna saperlo fare. Gli scatti devono contenere l’umanità delle persone coinvolte. Da foto devono trasformarsi in simboli. Ed è qui che il fotografo diventa anche un po’ psicologo.

In altre parole, è importante agganciare con un clic ogni momento chiave, ma questo non significa scattare a raffica solo perché la madre sorride alla sposa o perché qualcuno si muove.

La luce è importante

Una sposa illuminata dalla luce diretta del sole difficilmente diventerà una affascinante interpretazione, si rivelerà più facilmente un terribile disastro di ombre dure e occhi socchiusi.

Una luce così dura può trasformarsi in una trappola mortale per te. Quindi il mio consiglio, soprattutto se non hai molta esperienza, è quello di preferire un’illuminazione morbida.

Cerca la luce di una finestra e sfruttala lateralmente per creare dei toni delicati (nota bene: dalla finestra non deve entrare la luce diretta del sole). Puoi anche decidere di scattare in controluce per avere un effetto diverso, ma attenzione a non esagerare.

Evita che la luce naturale della finestra si mescoli a quella proveniente da qualche lampada interna: in genere le luci artificiali sono molto calde e possono creare effetti spiacevoli, soprattutto sul colore della pelle. Se riuscirai nel tuo intento quell’abbraccio tanto atteso tra la sposa e suo padre non sarà soltanto intimo, la luce impreziosirà l’inquadratura.

Piccolo consiglio per fotografare la preparazione della sposa: anche se i tuoi occhi sembrano non vederla, c’è una differenza sostanziale tra la luce nei pressi di una finestra e quella presente solo un metro più dentro la stanza, anche se questa non è diretta.

Segui il tuo stile

Fotografare un matrimonio è difficile e per acquisire un proprio stile servono anni di esperienza e una volontà di ferro. Devi migliorare senza accontentarti mai, è questo il segreto. Se non sai ancora qual è il tuo stile, ecco qualche consiglio per te.

All’inizio è facile cadere nell’errore più comune: scattare, scattare e scattare ancora. Perché, in preda al panico, l’importante è avere qualche foto della preparazione della sposa. Sbagliato.

Quello che devi fare è fermarti e osservare chi hai davanti e l’ambiente circostante. Devi scegliere quando scattare, quando senti simbiosi tra te e quello che vedi, questo è un piccolo trucco sempre valido per la fotografia.

Se esegui bene questo “esercizio” noterai come nel tempo la sequenza dei tuoi scatti comincerà ad avere una sua organicità. Scorrere le foto dalla tua reflex comincerà a diventare più piacevole, e le immagini racconteranno una storia, quella degli sposi che ti hanno scelto.

Non sottovalutare la pulizia. Nessuno vorrebbe ricevere dal fotografo di matrimonio una serie di immagini con elementi fuori posto. È facile rovinare tutto. Immagina una bellissima foto della madre che aggiusta il vestito della sposa, ma con un bel palo dietro la testa. Presta molta attenzione a questi dettagli.

A questo proposito, gioca un ruolo importante la stanza. Ad esempio: sposarsi a Capri significa il più delle volte scattare in una camera d’albergo, mentre andare a casa della sposa può rappresentare qualche difficoltà in più.

In genere le abitazioni sono più strette e buie. Le camere d’albergo, specie se di lusso, sono studiate per avere un’estetica gradevole ed essere luminose.

Non dimenticare nulla

Il tuo matrimonio a Capri inizia con il trucco della sposa. So cosa stai pensando: “Con calma, tanto è presto”. Quella che ti sembra un’infinità di tempo si trasforma all’improvviso in minuti di panico.

anelli

Quindi mentre ti preoccupi di quali momenti scegliere per i tuoi scatti, della luce giusta e di dare uno stile riconoscibile al tuo flusso di lavoro, devi ricordarti anche di fotografare tutti gli accessori della sposa.

Per questo motivo il mio consiglio è quello di chiedere a lei se ha oggetti a cui tiene particolarmente, ed è la prima cosa che farai appena varchi la soglia della sua stanza. Non è vero, sarà la seconda: dovrai prima presentarti! Ecco un elenco degli accessori che dovrai scattare:

  • Vestito da sposa.
  • Scarpe da sposa.
  • Bouquet.
  • Fermagli per capelli.
  • Gioielli (a volte gli anelli li ha lo sposo o il testimone).

Ricorda che difficilmente potrai scattarli dove li hai visti: dovrai spostarli a seconda dello sfondo e della luce che hai pensato.

Foto di rito con i familiari

Vuoi offrire alla sposa delle foto indimenticabili, frutto del tuo estro. Tuttavia, in qualità di fotografo di matrimoni non puoi dimenticare di scattare le foto di rito. Hai già capito di cosa sto parlando, vero? La sposa con la madre e col padre, la sposa con le damigelle, con fratelli e sorelle.

E queste foto è meglio farle con un’inquadratura classica. Figura intera, piano americano o mezzo busto, a te la scelta. L’importante è avere una luce omogenea e contestualizzare lo sfondo.

sposa

Se possibile evita la luce diretta sul viso ma anche laterale, ti spiego perché: non è il massimo avere metà faccia bruciata e metà nera con ombre che disegnano naso e occhiaie. Ecco qualche consiglio su come disporre le persone:

  • Se il gruppo è composto da tre o più persone la sposa va al centro.
  • Evita di sistemarli in ordine d’altezza, la foto non deve sembrare uno xilofono.

Fotografare la preparazione della sposa: la tua opinione

Questi sono i miei consigli per fotografare la preparazione della sposa. Suggerimenti che possono fare la differenza e garantire un servizio professionale. Sei d’accordo o hai qualcosa da aggiungere? Lascia la tua opinione nei commenti e aiutami a migliorare questo articolo.

Davide Esposito

Fotografo di matrimoni a Capri e giornalista pubblicista. Entrare in simbiosi con gli altri è tutto per me, amo raccontare storie con la mia fotocamera, la considero un'estensione della mia coscienza.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

fotografo di matrimonio a Capri

SEGUICI SU

Sposarsi a Capri, una magazine dove puoi trovare tutte le informazioni utili per il tuo matrimonio a Capri e ad Anacapri. Qui trovi le location, i consigli, le esperienze di chi lavora ogni giorno sull'isola.

SPOSARSI A CAPRI
Via Don Giobbe Ruocco, 34 - CAPRI (NA)